Chi siamo

Ogni strada, anche la più lunga comincia sempre con il primo passo, così dice un bel proverbio cinese. Le Talpe del Carso hanno compiuto questo primo  passo l’1 1 ottobre del 1 972, con l’elezione del primo consiglio esecutivo del gruppo. In realtà l’attività speleologica dei fondatori delle Talpe era iniziata già negli anni ’60, nell’ambito del Club alpino sloveno di Gorizia, sotto la guida del maestro Slavko Rebec. Il 26 giugno 1 969, il maestro Rebec, ha fondato, all’interno del Club Alpino Sloveno una sezione che è stata il predecessore delle Talpe del Carso. L’avvenimento cruciale, che ha spronato i giovani speleologi a formare un proprio club indipendente è stata sicuramente
l’apertura della grotta Regina, scoperta nel 1 972 dallo speleologo
Dominik Grillo. La scoperta della più grande è più bella grotta del Carso
Goriziano ha dato un forte impulso agli speleologi del nuovo gruppo,
che è stato battezzato Kraški krti, ossia Talpe del Carso. Il primo
presidente, che fu eletto dal neocostituito gruppo fu Slavko Rebec.
I soci, spinti dall’entusiasmo giovanile, hanno fatto numerose nuove scoperte. Ma il cuore e l’anima del gruppo sono rimasti nella grotta Regina, presso la quale hanno intrapreso la costruzione della baita.
Tutti i lavori sono stati eseguiti con l’opera gratuita e volontaria dei soci, e la costruzione è stata ultimata e solennemente inaugurata nel novembre del 1974.

Dieci anni dopo la scoperta della grotta Regina, nel 1 982 è stato eletto come presidente Stanko Kosic, che ha guidato il gruppo per un periodo di quasi 30 anni. I numerosi contatti con gruppi speleologici sloveni, italiani e austriaci ed i rapporti amichevoli che sono stati instaurati con gli stessi, hanno permesso
al nostro gruppo di organizzare il primo Triangolo dell’amicizia, incontro speleologico dei gruppi appartenenti alle tre regioni confinanti, che da allora, a turno, viene organizzato ogni anno.
Data la nostra natura bilingue, siamo iscritti sia alla Federazione Speleologica Slovena che alla Società Speleologica Italiana.
Naturalmente siamo anche parte integrante della Federazione Speleologica Isontina, come tutti gli altri gruppi della provincia di Gorizia, tutti insieme riusciamo a dare vita a numerose e interessanti iniziative: corsi, manifestazioni, pubblicazioni ed altro.
Ottimi sono anche rapporti di collaborazione con i nostri colleghi carinziani, con i quali ci frequentiamo già da decenni.
Le più grandi scoperte il gruppo le ha fatte sul Carso Goriziano: abisso Samar di Riky, abisso Poldo e Dominik, nonché la scoperta a San Michele della grotta Alex.

Nel 201 0, con i gruppi Amici del fante di Monfalcone ed il gruppo di ricerche
carsiche C. Seppenhoffer di Gorizia, abbiamo fondato la Scuola di Speleologica
Isontina, che è stata presentata presso la sede della Provincia di Gorizia.
Nell’ambito della scuola siamo riusciti ad organizzare, oltre ai corsi di speleologia di 1 ° livello, anche corsi di fotografia, geologia, cartografia, et cetera… Le nuove grotte scoperte vengono continuamente rilevate, disegnate ed accatastate.
Presso la nostra sede, ospitiamo continuamente gruppi organizzati e scolaresche. Nella baita presentiamo loro il paesaggio naturale che li circonda nonché le attività delle Talpe del Carso.